eCommerce

ecommerceUn e-Commerce come la parola stessa indica è un sistema che permette di fare commercio online (Commercio elettronico).
Per capire come creare un e-Commerce di successo, è necessario partire dall’ inzio e cioè dal cuore del sistema di vendita online la piattaforma o framework. Di sistemi di e-Commerce ne esistono moltissimi da quelli a pagamento agli opensource a i nuovi sistemi di noleggio. Di cosa si stratta?
Nel primo caso ci sono software house che hanno sviluppato prodotti eCommerce e vendono questi strumenti come software qualsiasi, quindi un utente o un azienda lo acquista e si lega a questa società tutta la vita, o perlomeno fino a che ha intenzione di continuare ad usare quel software come cuore del proprio business. Si, perchè gli eCommerce hanno bisogno di aggiornamenti manutenzione e se negli anni cambiano i tipo prodotti che vendete, aumentano ad esempio le caratteristiche prestabilite di un prodotto, da taglia e colore si passa a taglia colore ed immagine, si rendeno necessari update o integrazioni, e in questo caso, l’unico punto di riferimento è la società che lo ha sviluppato, ed i costi generalmente sono salassi.
Integrazioni, aggiornamenti, bug fix e innovazione dipendono esclusivamente dalla società che vi ha venduto il software. Ebbene il vostro business è legato forzatamente a loro, e quindi anche i costi.
Nel secondo caso, gli opensource garantiscono una grande quantità di funzionalità, una flessibilità notevole, una community che provvede allo sviluppo di plugin che rendono il prodotto adatto al 90% delle esigenze, una quantità di tester decisamente impossibili da avere se paragonato ad un eCommerce sviluppato da una unica società. Tutti i potenziali utilizzatori di eCommerce opensource sono potenziali tester, se qualcosa non va e viene scritto nei forum i bug vengono risolti velocissimanente…. cosa che non può accade per architettura e per numeri sugli eCommerce a pagamento, anche di classe enterprise. Inoltre essendo opensource, quindi dal codice sorgente aperto, se si è intenzionati a cambiare agenzia si reperiscono semplicemente sviluppatori e società in grado di prendere il vostro eCommerce e lavorarci. Non vi legherete a vita ad un azienda, ma dovrete sceglierla con cura. Scegliere con cura un azienda è molto impegnativo perchè tra i venditori di eCommerce che usano opensource come base, cene sono veramente moltissimi e capire quale partner può fare al caso vostro può diventare una giungla.
Nel terzo caso quelli che vi offrono piattaforme a noleggio, sono i peggiori…. voi create il vostro business su una piattaforma a noleggio, lo fate crescere investite in marketing, e poi di colpo vi rendete conto che quella piattaforma non fa più al caso vostro, perchè ha caretteristiche che non vi soddisfano, non potete installare plugin, non potete farvi sviluppare componenti ad hoc. Siete finiti. Dovete ripartire da 0. Quindi, avere chiaro quale è il cuore del vostro eCommerce è già un bel passo avanti. Ammettiamo che esista un eCommerce opensource che non costa niente e che vi dia la possibilità di crescere in maniera verticale, che vi metta a corredo tutta una serie di plugin gratuite o a pagamento ma comunque che vi garantiscano una discreta capacità di movimento. Ipotizziamo che vi siano anche aziende che possono creare plugin e quindi adattare l’ eCommerce opensource alle vostre esigenze specifiche creando i mattoni che servono a far diventare il vostro eCommerce cosi come lo volete, o come i vostri prodotti vi impongono che sia….. si è illuminata una strata da percorrere perchè questo software esiste e si chiama Magento.
Adesso che lo avete non resta da capire a chi dare in mano la costruzione del vostro eCommerce, e non è cosa da poco. Vediamo perchè.

ecommerceUn eCommerce è come un negozio fisico, solo che si usano altri strumenti per farlo funzionare, con funzionare intendo dire vendere. Partiamo dalla vetrina, la home page, e da come sono organizzati i prodotti dentro al negozio.
La home page è fondamentale perchè è la vostra vetrina, non deve essere solo bella, ma deve avere i prodotti sistemati in maniera tale che si individui subito cosa vendete, il vostro target, la scontistica, ed il brand. Negli anni i negozzi tradizionali si fanno un nome, un brand, un marchio riconoscibile al quale assegnate un valore, caratteristiche, virtù ecc… Online accade la stessa cosa all’ ennesima potenza, il brand quindi deve emergere dai colori, dalle linee da come posizionati i prodotti, dal logo ed infine dalla navigazione.
ecommerceCome sono sistemati i prodotti in un negozio tradizionale? Sono ben in vista le diverse tipologie, le diversità come uomo donna bambino, o televisori, hi-fi, computer, sono visibili da subito, sono bene in chiaro prezzi e dimensioni.
Online la stessa cosa, un e-Commerce ben organizzato ha una navigazione semplice, intuibile, fruibile, in poche parole usabile. Ed infatti le società che creano eCommerce di alto livello hanno degli esperti in usabilità, in creatività, in grafica…. Questo perchè il negozio online deve essere bello, curato nel dettaglio, deve evocare sentimenti che permettano all’ acquirente o visitatore di riconoscere il brand, deve esse organizzato in modo da permetter all’ utente di trovare il prodotto che vuole velocemente, deve metterlo a proprio agio, farlo sentire in un ambiente comodo. In un eCommerce i livelli che si hanno sono home page, pagina della categoria di prodotto e pagina prodotto, sono tutte importanti; la home come abbiamo visto è la vetrina deve quindi trasmettere l’anima dell’ eCommerce, far vedere i prodotti, mettere in evidenza i prodotti del momento, o quelli in sconto, dare uno stile ed una bran image positiva. Quando siete nella pagina di categoria avete già effettuato una scelta e quindi avete già individuato cio che vi interessa, scartando le altre proposte. E importante che per ogni categoria ci sia una breve descrizione che migliori l’esperienza utente e il seo (SEO = posizionamento sui motori di ricerca), e ne delinei le caratteristiche possibilmente anche attraverso un top.
ecommerceQuindi ogni categoria di prodotti dovrebbe avere un top, cioè un immagine di categoria, ed un contenuto testuale descrittivo, sempre in linea con il brand e con la sezione di riferimento. Nella sezione si trovano i prodotti di sezione quindi si iniziano a vedere i prodotti che siamo cercano, ed in questo caso è necessario che l’utente possa ordinare i prodotti per costo, nome, ecc…. cosi da permettergli già di default di avere una mininavigazione interna. Solitamente nella categoria oltre al menu si hanno anche altri strumenti, i filtri, che permettono in eCommerce con molti prodotti di selezionare velocemente quello che stiamo cercando. Alcuni filtri potrebbero essere la marca del prodotto, il peso, una dimensione (numero pollici tv, lunghezza cucina), il prezzo (da 0 a 1000, da 1000 a 4000 ecc).
I filtri aiutano l’utente a cercare già dalla prima categoria il prodotto che vuole.
In un eCommerce ci possono essere sottocategorie, quindi la distribuzione dei prodotti può essere anche articolata, ma se le voci di navigazione sono ordinate e logiche, l’utente non farà fatica a trovare quello che vuole, attraverso il menu principale o i filtri.
Ecco trovato il prodotto, clicco e entro nella scheda prodotto regina dell’ eCommerce, e qui che si sceglie se mettere o no il prodotto nel carrello. La scheda prodotto deve essere come la brava venditrice del negozio, ci deve essere e deve rispondere a qualsiasi vostra domanda. Essendo online la foto o meglio le foto devono essere esaustive , fare in modo che il prodotto si tocchi, si veda in tutte le sue parti, deve avere una descrizione breve che faccia capire subito di cosa si tratta e metta in luce e caratteristiche principali, deve avere più tab che consentano all’utente di trovare tutte le informazioni di quel prodotto, le caratteristiche approfondite, come è costruito, quali sono i punti di forza, come si usa ecc… Come già detto prima la scheda prodotto deve fare le veci della brava/o venditrice, deve rispondere potenzialmente a qualsiasi domanda. Inoltre i contenti devono essere seo compatibili e quindi ben indicizzati dai motori di ricerca, altrimenti vi trovere un bel negozio, con bravi venditori, ma in una zona non raggiungibile e non visivile a nessuno. La scheda prodotto cosi come tutte le altre pagine del sito devono avere una creatività stidiata apposiatamente da fare in modo che vengano esaltati i contenuti le foto e sopratutto la call to action, cioè il richiamo all’azione. La capacità di vendita di un eCommerce non può prescindere da questi punti e da queste figure chiave, che sono determinati per un eCommerce di successo (dato per scontato che si stia vendendo prodi validi, e a prezzi competitivi )
ecommerceTrovate un team cosi, e siete al 70% del lavoro per creare un eCommerce di qualità ed in grado di vendere. Ma non basta, un eCommerce deve essere perfettamente indicizzato dai motori di ricerca, quindi è necessario che la parte seo sia curata. In precedenza abbiamo richiamato il seo in qualche passaggio, ma è fondamentale che tutto sia pensato per il seo, o sia l’indicizzazione. L’ html deve essere costruito a regola d’arte, i titoli devono essere h1, i sottotitoli h2 ecc, la semantica costruttiva deve essere perfetta, i contenuti devono avere un giusto rapporto di parole chiave e contenuto. Le parole chiave vanno individuate con cura a seconda del budget a disposizione e a seconda di quelle che si ipotizzino sia le chiavi di ricerca che diano maggiori risultati in termini di ROI (ritorno sull’ investimento). Ci sono alcuni tools per cercarle e capire il loro valore economico. Detto questo, ogni pagina deve avere delle parole chiave all’interno dei contenuti con una buona ripetitività che permettano all’ eCommerce di essere correttamente indicizzato.
ecommerceQuesto è SEO onsite, cioè sul sito, poi per indicizzare bene un eCommerce è necessario anche avere buoni link provenienti da buoni contenuti e da buoni domini, che puntino al nostro eCommerce cosi da aumentare la popolarità e salire nelle serp. Fatto questo siamo ad un 80% del lavoro per creare un eCommerce di successo. Rimane la parte pubblicitaria. L’agenzia a cui vi affidate deve anche promuovere il vostro eCommerce con tutti gli strumenti di digital marketing. Abbiamo visto il Seo, farsi trovare sui motori di ricerca gratuitamente, ma esiste anche la parte a pagamento. Il Seo è lento, per indicizzare correttamente un eCommerce ci possono volere anche 8 mesi di lavoro, e il vostro eCommerce deve inziare a vendere da subito. Quindi pubblicità a pagamento, che si può ottenere semplicemente da google attraverso le adwords per quanto riguarda la pubblicità da ricerca, e quella da rete display, o da bing sulla ricerca attraverso le Ads, ha un po meno utenti di google, ma promette di crescere, o attraverso canali come dedicati come zanox, per aziende medio grandi. Programmata la pubblicità create le frasi di ricerca dirette e inverse, creati i banner per la campagna, non resta che iniziare a vendere. Ma all’ inzio questi strumenti potrebbero non bastare, e quindi solitamente per far conoscere il negozio come in un innaugurazione si lanciano delle DEM.
Le DEM sono delle mail create appositamente per attrarre pubblico sul vostro eCommerce, devono essere attrattive ma non invasive, a nessuno piace ricevere pubblicità non richiesta, per cui, devono essere create da degli esperti che hanno maturato sul campo esperienza, ed avere un database B2C a cui inviarle. Una campagna di solito inizia con almeno 25000 50000 invii, si, perchè il ritorno delle DEM è molto basso e si deve puntare su numeri consistenti. Adesso il vostro eCommerce è unico, strategicamente pensato per massimizzare le vendite, avete clienti e volete fare delle campagne promozionali su alcuni prodotti da togliere dal magazzino, l’agenzia che vi segue deve quindi darvi la possibilità di effettuare scontistica di riorganizzare la home, creare una campagna marketing di breve durata ed alta intensità, creare banner e cosi via per esaudire le vostre necessità.
Non basta, oggi con il digital marketing si possono ottenere risultati ancora migliori, come? ecommerceCon i social network. Non basta avere una pagina di facebook, va saputa creare, amministrare e renderla uno strumento in grado di migliorare il vostro business. Come? Innanzitutto dovete capire a cosa vi può servire facebook, a fare customer care? A fare fancruitment, a generare viralità e quindi a farvi conoscere ad un pubblico più vasto? Una volta individuata la necessità l’agenzia deve guidarvi e mettervi in condizioni di creare un piano editoriale per la pubblicazione di contenuti interessanti che facciano da attrattiva a nuovi like, e creino viralità. Deve creare un app, magari per rivecere un like in cambio di qualcosa che cedete al cliente. Uno sconto?
Si interessante, potreste fare in modo che ad ogni persona che clicca sul like di facebook, viene dato un buono sconto di x euro da spendere sul negozio online valevole 5 giorni. Le strategie sui social sono molte, sta a voi ed alla vostra agenzia creare sempre nuovi modi per attirare clienti e far crescere il numero di vostri sostenitori. Questo vi permetterà di far crescere anche vendite e affiliare i clienti, e di raggiungerne nuovi.
Quindi scegli l’agenzia che può offrirti un servizio a 360° perchè solo cosi, si può far fronte alla concorrenza che di giorno in giorno si sta facendo sempre più competitiva. Ricordati che in Italia il mercato eCommerce non è ancora maturo, e quindi i costi per entrare e guadagnare una fetta di mercato a vostra misura, sono ancora pochi e l’accesso e ampio. ecommerceQuando il mercato sarà maturo il costo per acquisire un cliente aumenterà moltissimo e non tutti avranno le capacità economiche per sfruttare il web. Affrettati dunque e scegli con cura l’agenzia che seguirà il tuo eCommmerce e la tua campagna marketing per vendere da subito..